Caldaia a cippato 5 stelle: il miglior investimento

Caldaia a cippato 5 stelle il miglior investimento (1)

Con il costante aumento del costo dell’energia la caldaia a cippato a 5 stelle è il miglior investimento.

Il cippato è la biomassa più conveniente sul mercato ed offre la possibilità di produrre energia con un materiale a chilometro zero.

Le emissioni di una caldaia a cippato a 5 stelle sono prossime allo zero.

In questo articolo vedremo tutti gli aspetti da valutare per scegliere una caldaia a cippato a 5 stelle che dia i migliori risultati.

Indice

Conviene una caldaia a cippato?

Come per qualsiasi investimento che si fa nell’ambito delle energie rinnovabili, il rapporto tra costi e utili è fondamentale. Bisogna avere un consumo di energia tale da fare rientrare l’investimento in un impianto con caldaia a cippato nel più breve tempo possibile. Ma anche il guadagno a lungo termine è importante. E’ incredibile gli utili che si riescono a fare utilizzando il cippato al posto di gas e gasolio.

Quindi è solo dopo una attenta analisi della tua situazione esistente che investire in una caldaia a cippato può portare alla luce i veri vantaggi economici.

Come per tutti gli investimenti, il prezzo è secondario al valore che acquisti con una caldaia a cippato.

Cosa è il cippato?

Innanzitutto capiamo cosa si intende per cippato.
Il cippato è legna sminuzzata a pezzetti che si ricava dalla legna (tronchi, ramaglie, potature) che viene sminuzzata in scaglie (dall’inglese chip, scaglia, frammento).

La qualità del cippato è definita dalla norma tecnica internazionale UNI EN ISO 177225-4 che definisce tre classi di qualità e le relative caratteristiche. 

cippato

Classi di qualità del cippato

La norma tecnica UNI EN ISO 177225-4 prevede tre classi di qualità del cippato: A1, A2 e B1. Lo schema di certificazione Biomassplus prevede due classi aggiuntive, A1plus e A1plus Cippatino, che hanno requisiti più stringenti rispetto alla classe A1 della norma tecnica.

Classi di qualità secondo la norma UNI EN ISO 177225-4

A1 Plus

A1 Plus Cippatino

A1

A2

B

Origine e provenienza

Alberi interi senza radici
Tronchi
Residui delle utilizzazioni forestali
Residui di legno non trattato chimicamente

Alberi interi senza radici
Tronchi
Residui delle utilizzazioni forestali
Residui di legno non trattato chimicamente

Alberi interi senza radici
Tronchi
Residui delle utilizzazioni forestali
Residui di legno non trattato chimicamente

Legno di foresta di piantagione e altro legno vergine
Residui di legno non trattato chimicamente

Contenuto Idrico %

M10 <10

M25 <25

M35 <35

Deve essere dichiarato il valore massimo

Ceneri

A1.0 <1,0

A1.0 <1,0

A1.5 <1,5

A3.0 <3,0

Potere calorifico netto

Q >16 MJ/kg
Q >4.5 kWh/kg

Specificare

Specificare

Specificare

Densità apparente kg/m³

>150

>150

>150

>150

Elementi chimici

Non prevista

Non prevista

Non prevista

Analisi chimica secondo norma ISO 17225-4

Pezzatura del cippato

Ci sono varie pezzature del cippato che normalmente si suddividono in 3 categorie:

  • P16S (60% del peso ha una lunghezza di 3,15 – 16 mm)
  • P31S (60% del peso ha una lunghezza di 3,15 – 31,5 mm)
  • P45S (60% del peso ha una lunghezza di 3,15 – 45 mm)

Come funziona una caldaia a cippato

Le caldaie a cippato hanno un funzionamento simile alle caldaie a pellet, cioè è sono caldaie a biomassa con alimentazione automatica. Accensione, spegnimento, e modulazione sono caratteristiche completamente automatiche. La differenza rispetto al pellet è che il cippato è una biomassa molto irregolare. Per questo motivo il sistema alimentazione è molto più sofisticato.

Vano di carico del cippato

Schema impianto caldaia a cippato

Il vano di carico del cippato va realizzato in loco. Le dimensioni e il posizionamento sono fondamentali per la praticità dell’utilizzo da parte dell’utilizzatore. Le dimensioni determinano l’autonomia di ricarica del cippato. La posizione del vano cippato devono essere tali da semplificare il più possibile le operazioni di ricarica.

Varie possibilità per collocare il vano del cippato:

Come si alimenta una caldaia a cippato

Coclea caldaia a cippato in sezione
Trasporto del cippato alla camera di combustione

Questo è una parte molto importante per non avere problemi di fermo caldaia.

Nel vano cippato sono presenti dei bracci flessibili che girando fanno confluire le scaglie di legno alla coclea aperta. La coclea deve essere di dimensioni generose per evitare inceppamenti. Questi 2 meccanismi devono avere dei controlli elettronici che permettano, in caso di inceppamento, l’inversione del ciclo per disincastrare eventuali pezzi di legno troppo grandi. Questa funzione è completamente automatica.

L’importanza della valvola tagliafiamma in una caldaia a cippato

Prima di arrivare alla camera di combustione ci deve essere una valvola tagliafiamma. Questa valvola dà la sicurezza del non ritorno di fiamma che incendierebbe il vano di carico del cippato. Questa valvola, oltre a separare la camera di combustione dal vano cippato, ha la funzione di tagliare eventuali pezzi di legna fuori misura.

Velocità di caricamento del cippato

La velocità della coclea di alimentazione del cippato è variabile per modulare la potenza della caldaia.

L'importanza dell'impianto di una caldaia a cippato a 5 stelle

Puoi anche scegliere la migliore caldaia a cippato, ma se viene inserita in un impianto non adatto i risultati non saranno ottimali.

Come è anche previsto da diversi incentivi, l’impianto di una caldaia a pellet deve avere un puffer.

Il puffer, come richiesto da vari incentivi come il conto termico 2.0 ad esempio, deve avere un volume di almeno 30l/kW di potenza della caldaia a cippato. Ma a volte serve un volume di puffer maggiore. Questo puffer ha la funzione di ottimizzare le fasi di accensione e spegnimento della caldaia a pellet. Importante è rispettare anche gli attacchi della caldaia a pellet.

Le pompe di rilancio che alimentano il circuito dei radiatori (termosifoni) o del riscaldamento a pavimento (radiante) devono avere una miscelatrice che regola la temperatura di mandata. Questa miscelatrice può essere a punto fisso o a regolazione climatica.

Come avviene la combustione in una caldaia a cippato

La coclea trasporta il cippato alla camera di combustione della caldaia dove viene incendiato tramite le braci residue o se necessario tramite una resistenza elettrica. Questo avviene in maniera completamente automatica e controllata in maniera da garantire le minori emissioni possibili.

Regolazione della combustione del cippato

In una caldaia a cippato a 5 stelle le emissioni sono importanti.

La regolazione dell’aria primaria e secondaria è automatica ed è regolata da una Sonda Lambda che permette una combustione stechiometrica del cippato. A seconda della qualità e dell’umidità del cippato, l’aria viene regolata alla perfezione.

Approvvigionamento del cippato

In base alle esigenze caloriche e degli spazi disponibili, viene dimensionato il vano del cippato.
La misura minima è di 1,5m X 1,5m X altezza libera.

Per esempio una caldaia a cippato da 50kW si stima possa consumare 100m³ di cippato all’anno. Con un deposito di 3,5m X 3,5m alto 3m, si avrebbe una cubatura di circa 35m³ di cippato ad ogni carico. In questo caso si possono prevedere 3 cariche all’anno. La frequenza di approvvigionamento del cippato sarà circa ogni 2 mesi, considerando 6 mesi di riscaldamento.

Il cippato viene solitamente fornito tramite camion ribaltabili o Big Bag, raramente si trovano anche servizi che lo consegnano tramite scarico pneumatico.

Il consiglio è di verificare prima di acquistare una caldaia a cippato i fornitori di zona che servizi offrono. Un elenco lo potete trovare sul sito del AIEL. Ce ne sono anche altri non associati all’AIEL.
Ovviamente potete autoprodurvi il cippato e, in questo caso, consiglio di valutare il solo noleggio della cippatrice anziché acquistarla.

Pulizia della caldaia a cippato

La pulizia della camera di combustione avviene in maniera automatica. Anche la pulizia dei giri di fumo viene garantita da dei turbolatori che si attivano automaticamente per mantenere sempre alta l’efficienza della caldaia. Ogni millimetro di fuliggine che si forma sugli scambiatori di calore (fumi/acqua) toglierebbe circa il 10% della resa.

La cenere viene compattata automaticamente da delle coclee. Il cassetto cenere, a seconda del combustibile e del suo volume, va svuotato circa 1 volta al mese.

Manutenzione di una caldaia a cippato

In una caldaia a cippato ci sono diverse parti meccaniche in movimento, perciò una manutenzione annuale da parte di un centro assistenza autorizzato è importante.

Quanto costa una caldaia a cippato a 5 stelle

Caldaia a cippato 5 stelle: il miglior investimento.

Certo come puoi immaginare il prezzo d’acquisto di una caldaia a cippato non è sicuramente basso. Ma come per qualsiasi investimento ben fatto è il valore che non devi perdere d’occhio.

Ci sono principalmente 2 fattori che sono determinanti per valutare il cippato come combustibile:

  • La spesa storica annua di energia che hai.
  • Gli spazi necessari per caldaia e vano cippato.

Il cippato costa molto meno rispetto alle energie tradizionali:

  • Metano/cippato -72%
  • GPL/cippato -81%
  • Gasolio/cippato -79%

A fronte di una spesa di 5.000€/anno di gasolio o GPL, avrai un utile di circa 4.000€/anno!

I prezzi chiavi in mano di una centrale termica con caldaia a cippato 5 stelle, partono dai 25-30.000€ in su, ma il valore salta subito agli occhi. 

Incentivi per caldaie a cippato 5 stelle

Oltre ai grandi guadagni sulle fonti di energia tradizionali, ci sono diversi incentivi per le caldaie a cippato considerate come energia rinnovabile:

Il cippato inquina?

Le caldaie a cippato a 5 stelle sono le più efficienti in termini di rendimento e di emissioni. Questo le rende idonee a ricevere i maggiori incentivi fiscali e a rispettare i requisiti ambientali vigenti.
Siamo arrivati, con le caldaie più moderne, ad emissioni di polveri sottili (PM10) prossime allo ZERO!

La combustione del cippato è a CO² neutrale in quanto la ricrescita delle piante la assorbe.

Il cippato è una fonte di energia a km zero.

Conclusioni

Investimento caldaia a biomassa
Più energia consumi, più la caldaia a cippato ti fa guadagnare e più contribuisci a migliorare il clima della terra.
Prima ti decidi, più guadagni, informati!

FAQ Caldaia a Cippato

I prezzi chiavi in mano di una centrale termica con caldaia a cippato 5 stelle, partono dai 25-30.000€ in su, ma il valore salta subito agli occhi essendo i risparmi oltre il 70% sulle energie tradizionali.

Il cippato di buona qualità ha un prezzo medio di 14,50€/100kg, che corrisponde a un costo energetico di 39€/MW.
Il Metano costa 140€/MW, il gasolio 185€/MW, il GPL 206€/MW.

Per avere un’idea dei consumi espressi in volumi annui di cippato, si moltiplica x2 la potenza della stessa espressa in kW. Il cippato ha una densità apparente di 150kg/m³.

Cippato e pellet appartengono entrambi alle biomasse. Le differenze sono:

  • Costo energetico: pellet 82€/MW, cippato 39€/MW
  • Volume di stoccaggio: per la stessa quantità di energia il cippato occupa un volume 4 volte superiore al pellet.
  • Le caldaie a pellet hanno un costo molto più basso di quelle a cippato.

E’ possibile autoprodursi il cippato. Si può acquistare una cippatrice o la si può noleggiare occasionalmente.

Fino a una certa soglia di consumi energetici annui, la caldaia a pellet è più indicata. Se si hanno consumi energetici annui elevati, la caldaia a cippato è molto indicata e il suo valore cresce nel tempo.

Il cippato è ormai reperibile in larga scala su tutto il territorio nazionale.

Il cippato pesa mediamente 250kg/m³.

Il cippato viene certificato in diverse classi:

  • A1 Plus (Contenuto Idrico % M10/<10)
  • A1 (Contenuto Idrico % M25/<25)
  • A2 (Contenuto Idrico % M35/<35)
  • B (Contenuto Idrico % Deve essere dichiarato)

Parti con il piede giusto

Troviamo la tua caldaia a cippato ideale!

E’ stato utile questo articolo? Condividilo…

Facebook
Twitter
LinkedIn