Portale ENEA aggiornato per Ecobonus e Bonus Casa

Portale ENEA aggiornato per Ecobonus e Bonus Casa.

Il 1 Febbraio 2023 il portale ENEA è tornato operativo, offrendo ai cittadini l’opportunità di beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dall’Ecobonus (da non confondere con Ecobonus 110%) e dal Bonus Casa per interventi di efficienza energetica.

Questa è un’ottima notizia per coloro che desiderano rendere la propria casa più sostenibile dal punto di vista energetico e risparmiare sulle bollette e i costi dell’energia.

Gli interventi che rientrano in queste agevolazioni includono l’installazione di pannelli solari, l’isolamento termico, la sostituzione di infissi e caldaie a biomassa e pompe di calore. In poche parole, il recupero dell’energia prodotta da fonti rinnovabili.

Il portale ENEA rappresenta una fonte affidabile di informazioni sulle modalità di accesso alle agevolazioni. Sul portale dell’ENEA trovi i documenti necessari da presentare per ottenere le detrazioni fiscali.
Grazie a questa piattaforma gli utenti possono facilmente accedere a tutte le comunicazioni relative alle detrazioni fiscali. Inoltre, rimanere sempre informati sulle ultime novità in materia di efficienza energetica.

Quindi, se state pensando ad avviare un progetto di ristrutturazione energetica....

…o di installare un impianto fotovoltaico, un impianto solare termico, una caldaia a biomassa o una pompa di calore, non esitate a visitare il portale ENEA. Qui trovate come beneficiare delle agevolazioni fiscali e rendere la vostra casa più eco-friendly e ridurre i costi energetici.

In questo articolo troverai tutte le informazioni utili del portale ENEA aggiornato per Ecobonus e Bonus Casa per accedere alle detrazioni fiscali e una breve e interessante storia delle origini dell’ENEA.

Indice

Cosa è l'ENEA e quali sono le sue origini?

Iniziamo a capire l’origine dell’ente denominato ENEA.
L’ENEA è una trasformazione del CNEN. Il CNEN era il Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare costituito nell’agosto del 1960. Questo ente ha preso il posto del CNRN, Comitato Nazionale per le Ricerche Nucleari, che era stato istituito nel giugno del 1952. Il CNRN aveva lo scopo di promuovere ed effettuare ricerche nell’ambito delle energie nucleari.

Il 5 marzo del 1982 viene ufficialmente trasformato il CNEN in ENEA la cui sigla significa Energia Nucleare e delle Energie Alternative. Da quel momento non si occupava più solo dello sviluppo dell’energia nucleare, ma anche di fonti di energia rinnovabile, dell’uso razionale dell’energia e dell’impatto ambientale.
L’ENEA comunque, diventa effettivamente operativo solo nel 1988.

La trasformazione di ENEA in seguito al disastro di Cernobyl

Disastro di Chernobyl
Chernobyl disastro nucleare

Il 26 aprile 1986 avviene il Disastro di Černobyl’. L’impatto è enorme e parte immediatamente una raccolta di firme per un referendum.

In questo referendum veniva chiesto:

  1. Volete che venga abrogata la norma che consente al Cipe di decidere sulla localizzazione delle centrali nel caso in cui gli enti locali non decidano nei tempi stabiliti?
  2. Volete che venga abrogato il compenso ai comuni che ospitano centrali nucleari o a carbone?
  3. Volete che venga abrogata la norma che consente all’ENEL di partecipare ad accordi internazionali per la costruzione e la gestione di centrali nucleari all’estero?

     

Nel novembre del 1987 la vittoria del “Sì” è schiacciante con un risultato rispettivamente 81%, 80% e 72%.
Questo determina la chiusura definitiva delle centrali nucleari in Italia.

Nel 1991 l’ENEA cambia in Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente.

Introduzione al portale ENEA, cosa è?

L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, nota anche come ENEA, è un ente pubblico di ricerca italiano che opera nei settori dell’energia, dell’ambiente e delle nuove tecnologie a sostegno delle politiche di competitività e di sviluppo sostenibile.

Il portale ENEA è la piattaforma su cui registrare le pratiche per i Bonus Casa e Ecobonus.
Su questa piattaforma vanno registrati i dati relativi agli interventi di efficientamento energetico per poter usufruire delle agevolazioni fiscali.

Chi può fare la registrazione sul portale ENEA?

La dichiarazione da registrare sul portale dell’ENEA per Bonus Casa e Ecobonus può essere fatta da 3 soggetti diversi:

  • Beneficiario: colui che usufruisce della detrazione fiscale
  • Intermediario: un persona terza delegata che compila per conto del beneficiario, persona giuridica o un condominio
  • Persona giuridica: un associazione, una società in possesso di una partita IVA

Per la registrazione sul portale, le persone fisiche possono accedere tramite SPID o CIE, mentre le persone giuridiche accedono tramite email e una password.

Le due opzioni da scegliere sul portale ENEA

Una volta registrati sul portale ENEA sarà possibile accedere alla sezione Bonus Casa o Ecobonus (da non confondere con Ecobonus 110%). Qui sarà possibile caricare e modificare nonché consultare le schede relative al bonus scelto.

Entro quando bisogna presentare le pratiche all'ENEA per i vari bonus?

Bisogna presentare le pratiche per usufruire del Bonus Casa e Ecobonus entro 90 giorni dalla data di fine lavori.

Nel caso di ritardi nel inviare tutta la documentazione entro i termini di 90 giorni, bisogna inviare la documentazione mancante prima che venga contestata. In questo caso va allegato un versamento di 250€ a titolo di sanzione.

Differenze tra Ecobonus e Bonus Casa

La sostanziale differenza tra i due bonus è che l’Ecobonus (da non confondere con Ecobonus 110%) è dedicato per interventi di risparmio energetico, mentre il Bonus Casa è per interventi di ristrutturazione.

Ecobonus

Per effettuare lavori di risparmio energetico su edifici preesistenti le aliquote sono differenti a seconda del tipo di intervento.

  • 50%: Serramenti, infissi, schermature solari, caldaie a biomassa, caldaie a condensazione di classe A
  • 65%: Riqualificazione globale dell’immobile, caldaie a condensazione di classe A, sistemi di termoregolazioni evolute, pompe di calore, scaldaacqua a pompa di calore, coibentazione involucro, collettori solari termici, generatori ibridi ecc.
  • 70%: interventi su parti comuni degli edifici con una superfice >25%
  • 75%: interventi su parti comuni degli edifici con una superfice >25% + involucro di qualità media
  • 80%: interventi su parti comuni degli edifici con una superfice >25% + riduzione di +1 nella classe sismica
  • 85%: interventi su parti comuni degli edifici con una superfice >25% + riduzione di +2 nella classe sismica
  • 90%: interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino l’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell’edificio
 
 

Bonus Casa

Il Bonus Casa ha una detrazione fissa del 50%.

Si può suddividere il Bonus Casa in 3 categorie:

  • Riduzione della trasmittanza: cioè l’isolamento termico delle pareti, strutture opache e pavimenti
  • Sistemi di generazione e conservazione del calore: collettori solari termici, generatori di calore ad aria, strumenti di termoregolazione, impianti fotovoltaici, caldaie a biomassa ecc.
  • Sostituzione di elettrodomestici: sostituzione di forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavatrici e lavasciuga con prodotti con una efficienza energetica maggiore. Devono essere di classe energetica A+, a parte i forni che basta la classe A. Per piani cottura e asciugatrici la classe non è specificata.

Scarica la tabella in  formato PDF

Caratteristiche dei vari generatori e prodotti per accedere alle agevolazioni fiscali previste dall'ENEA

Un pratica raccolta delle caratteristiche dei generatori e sistemi atti ad usufruire delle agevolazioni fiscali Bonus Casa e Ecobonus.

Scarica i PDF relativi ai prodotti:

COLLETTORI SOLARI TERMICI caratteristiche

Installazione di collettori solari termici per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

Scarica qui il PDF

GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI DA BIOMASSE caratteristiche

Sostituzione o nuova installazione, di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Scarica qui il PDF

POMPE DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA caratteristiche

Sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza, anche con sistemi geotermica bassa entalpia

sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.

Scarica qui il PDF

CALDAIE A CONDENSAZIONE caratteristiche

A. sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza energetica stagionale per il riscaldamento d’ambiente (ηs) ≥ 90%, pari al valore minimo della classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013;


B. sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di cui al superiore punto A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02;


C. sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori d’aria calda a condensazione

 Scarica qui il PDF

POMPA DI CALORE INTEGRATA CON CALDAIA A CONDENSAZIONE caratteristiche

Sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, realizzati e concepiti per funzionare in abbinamento tra loro.

Scarica qui il PDF

MICRO-COGENERATORI caratteristiche

Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti che conducano a un risparmio di energia primaria (PES)≥ 20%

Scarica qui il PDF

BUILDING AUTOMATION caratteristiche

Installazione e messa in opera di sistemi di building automation, che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria o di climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali.

Scarica qui il PDF

SOSTITUZIONE DI FINESTRE COMPRENSIVE DI INFISSI caratteristiche

Sostituzione di finestre comprensive di infissi, delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno e o verso vani non riscaldati che rispettano i requisiti di trasmittanza termica U (W/m2K).

Scarica qui il PDF

Quali documenti caricare sul portale ENEA aggiornato per Ecobonus e Bonus Casa?

Dopo aver compilato tutte le schede descrittive dell’intervento, bisogna allegare sul portale dell’ENEA la seguente documentazione:

  • documento di identità di chi ha effettuato il bonifico ed ha diritto alla detrazione
  • visura dell’immobile si effettuano gli interventi
  • planimetria catastale (necessaria per il calcolo della superficie dell’immobile)
  • informazioni aggiuntive sull’oggetto a cui applicare le detrazioni come il rendimento, la potenza, la classe energetica, la trasmittanza termica ecc.
  • fattura di fornitura e installazione
  • asseverazione redatta dal tecnico abilitato sulla conformità dell’intervento ai requisiti specificati nella normativa (non necessaria per interventi in “edilizia libera” e per interventi con importo complessivo < 10.000 €).

 

NB: per alcuni interventi la documentazione da caricare è ridotta.

Caldaie a biomassa: come compilare le sezioni specifiche sul portale ENEA per Ecobonus o Bonus Casa?

Ci sono 2 casi per inserire una caldaia a biomassa negli interventi contemplati dal Bonus Casa e Ecobonus:

  • Nuova Installazione di caldaia a biomassa
  • Sostituzione di altro generatore con caldaia a biomassa


Per entrambi i bonus per Ecobonus o Bonus Casa per le caldaie a biomassa , la detrazione fiscale è del 50%
.

Nuova Installazione

Se l’opzione scelta è Nuova Installazione, un volta selezionata la casella relativa a caldaia a biomassa sul portale ENEA, è obbligatorio installare una caldaia a biomassa a 5 stelle.

Sostituzione

Se l’opzione scelta è Sostituzione, un volta selezionata la casella relativa a caldaia a biomassa sul portale ENEA, è obbligatorio installare una caldaia a biomassa a 5 stelle se si sostituisce un generatore di calore diverso da caldaia a biomassa, cioè sostituzione di caldaia a gasolio, metano, GPL o carbone.
Diverso è se si sostituisce una caldaia a biomassa con una nuova, in questo caso bastano 4 o 5 stelle ambientali.

Solo nel caso di sostituzione di caldaia a biomassa si può scegliere se 4 o 5 stelle.

In tutti gli altri casi una caldaia a biomassa deve essere a 5 stelle ambientali.

Pompe di calore: che caratteristiche tecniche per Ecobonus o Bonus Casa?

Questi sono i dati tecnici di resa che devono avere le pompe di calore per interventi nell’ambito di Ecobonus o Bonus Casa:

Pompa di calore con inverter

COP

EER

Aria/Aria

3,71

3,23

Aria/Acqua <35kW

3,89

3,61

Aria/Acqua >35kW

3,61

3,33

FAQ su Ecobonus o Bonus Casa

Può essere utile avere la raccolta ufficiale dell’ENEA su le FAQ Frequently Asked Questions («domande poste frequentemente») su Ecobonus o Bonus Casa.

Parti con il piede giusto

Troviamo la soluzione ideale per la tua ristrutturazione energetica!

E’ stato utile questo articolo? Condividilo…

Facebook
Twitter
LinkedIn