Caldaia a legna 5 stelle: guida all’acquisto

Caldaia a legna 5 stelle

Caldaia a legna 5 stelle: guida all’acquisto

Le caldaie a legna 5 stelle certificazione ambientale sono le caldaie a biomassa più efficienti in circolazione. Garantiscono un’elevata resa termica e un basso impatto ambientale, contribuendo a ridurre le emissioni di inquinanti nell’atmosfera.

Qui trovi tutte le informazioni per scegliere la migliore caldaia a legna a 5 stelle con indicazioni anche sull’impianto.

Indice

Conviene una caldaia a legna?

Oggi è senz’altro molto vantaggioso scaldarsi con la legna perché è una fonte di energia rinnovabile e l’apporto di CO² è neutro. La CO² assorbita dagli alberi in fase di crescita è pari a quella emessa nella combustione.

La legna da ardere costa il 60% meno del metano, il 75% meno del GPL e il 72% meno del gasolio.

Una moderna caldaia a legna a fiamma inversa a gassificazione, con un impianto adeguato, va caricata ogni 24 ore.

Con la biomassa contribuisci attivamente alla salvaguardia dell’ambiente incentivando l’economia locale.

Andamento del costo dell’energia primaria 2022

Andamento del costo dell'energia primaria 2022

Come scegliere la caldaia a legna 5 stelle: guida all'acquisto.

Una caldaia alimentata a legna deve avere certe caratteristiche per consumare poco e garantirti il comfort di una gestione poco impegnativa.

5 stelle certificazione ambientale

Caldaia a legna 5 stelle (certificazione ambientale)

Le 5 stelle sono già una garanzia per sapere che si tratta di una caldaia a legna con rendimenti alti e emissioni basse. Questo ti da i maggiori incentivi e la sicurezza di essere a norma per gli anni a venire e rispettare l'ambiente.

Potenza in kw della caldaia a pellet

Quale potenza deve avere la caldaia a legna?

La potenza è espressa in kW ed è da considerare quella all'acqua e non quella al focolare. In base alle caratteristiche della tua casa o edificio, puoi avere esigenze differenti. Per esempio una casa di 100mq alta 2,7m (270mc) con muri di pietra e radiatori può avere bisogno di 10-12kW, mentre una casa moderna con cappotto magari 3-4kW e una anni '70 con ampie vetrate a singolo vetro anche 16-18kW.
E' importante che il vano di carico della legna e il puffer abbiano le dimensioni adatte al tuo edificio. Affidati sempre a un esperto di caldaie a biomassa.

Consumo elettrico caldaia a pellet

Consumo elettrico di una caldaia a legna

Le caldaie a legna devono essere collegate elettricamente per alimentare la centralina, la regolazione dell'aria di combustione e della ventola che regola il tiraggio e di conseguenza la modulazione della combustione. Una buona caldaia a legna consuma 40-50W.

Caldaia a legna quanti anni dura

Quanti anni dura una caldaia a legna?

Una buona caldaia a legna dura 30-40 anni se mantenuta bene. Importante è la presenza del gruppo anticondensa nell'impianto che evita condense nella camera di combustione.

Caldaia a legna isolamento

Isolamento della caldaia a legna

Una caldaia a legna deve cedere tutta l'energia all'acqua del riscaldamento e non deve scaldare l'ambiente circostante. E' importantissimo l'isolamento della caldaia!

Capacità del vano di carico della legna (autonomia)

A seconda della potenza della caldaia a legna, ci vuole un vano di carico adeguato per avere un autonomia di 24h.
Per potenze di caldaia a legna fino a 30kW serve un volume di carico di 140-180 litri, che corrispondono a 40-50kg di legna tipo faggio o quercia. Per potenze di caldaia a legna fino a 50kW, seve un volume di carico di 220-230 litri che corrispondono a 60-70kg di legna tipo faggio o quercia. La pezzatura della legna è utile che sia di almeno 50cm.

Camera di combustione caldaia a legna

Camera di combustione a fiamma inversa

La camera di combustione in una caldaia a legna a fiamma inversa (o fiamma rovesciata) si trova sotto al vano di carico della legna. Il vano di gassificazione dove avviene la combustione deve essere rivestito di materiale refrattario. Questo refrattario deve essere facilmente sostituibile.

Accensione automatica elettrica caldaia a legna

Accensione automatica

Alcune caldaie hanno l'opzione di un accensione elettrica programmabile.

Puffer caldaia a legna litri

Puffer

Una caldaia a legna va sempre collegata a un puffer. Un volume indicativo del puffer si ottiene moltiplicando x 10 il volume di carico della legna. Per esempio se la caldaia a legna da 30kW ha un volume di carico di 150 litri x 10 = serve un puffer da 1.500 litri.
Affidati sempre a un esperto di impianti a biomassa per dimensionare il puffer.

Turbolatori pulizia caldaia a legna

Pulizia dei giri fumo tramite turbolatori

I giri di fumo della caldaia a legna tendono a sporcarsi di fuliggine. Dato che ogni millimetro di fuliggine abbassa il rendimento della caldaia del 10%, devono esserci sistemi efficaci, semplici e duraturi per la pulizia semiautomatica del giro fumi!
Normalmente tramite una leva si muovono dei turbolatori interni al fascio tubiero dei fumi. Muovendo questa leva, la fuliggine cade nel vano cenere dove è facilmente asportabile.

Sonda Lambda

Sonda Lambda

Per regolare continuamente la combustione della legna, ci deve essere una sonda Lambda. La sua posizione ideale è nel primo giro fumi in modo da riuscire a leggere subito i dati necessari alla regolazione dell'aria primaria e secondaria.
La sonda lambda registra la percentuale di ossigeno presente nei fumi della combustione per regolare la carburazione e garantire emissioni pulite.

Modulazione della fiamma caldaia a legna

Modulazione della potenza

E' importante che una caldaia a legna possa modulare la fiamma. La potenza deve essere modulante almeno del 50%. La modulazione viene gestita in automatico dalla centralina.

Caldaia a pellet centralina

Centralina della caldaia a legna

Tutte le caldaie a legna hanno una centralina elettronica per la gestione delle varie funzioni, dalla più semplice alla più sofisticata. Dalla centralina dipendono delle funzioni importanti per il buon funzionamento dell'impianto.
E' difficile valutare la validità della centralina se non si è esperti. La centralina deve poter leggere le temperature a 2 livelli nel puffer, gestire una o più impianti di riscaldamento eventualmente miscelati climaticamente con un termostato ambiente, avere un data log degli errori, modulare il ventilatore di aspirazioni fumi, gestire un eventuale integrazione con una caldaia ausiliare a gas o gasolio ecc.

Centro assistenza caldaie a pellet

Centro assistenza

E' importantissimo fare la manutenzione alla caldaia a legna ogni 1 o 2 anni (a seconda delle indicazioni del costruttore). Perciò è opportuno verificare fino da subito se la tua zona è coperta da un buon centro assistenza specializzato.

Quanto costa una caldaia a legna per riscaldamento e quali sono le differenze tra fasce di prezzo?

Solitamente una caldaia a 5 stelle a fiamma inversa come quelle che ho appena descritto costano dai 7.000€ ai 10.000€.

Ci sono anche caldaie sotto i 5.000€, ma quali sono le differenze che corrono tra l’una e l’altra fascia di prezzo delle caldaie a legna?

Di sicuro se fai un analisi dei 14 punti che ho riportato sopra, sarai in grado di valutarne le differenze.

Le differenze tra una caldaia a legna economica ed una buona sono aspetti sostanziali e non di solo pregio. Ma te ne accorgi solo quando hai a che fare quotidianamente con la manutenzione e le svariate ricariche giornaliere.

Vediamo i punti più importanti di una buona caldaia a legna: 

  • Ricariche di legna: la carica va fatta ogni 24 ore.
  • Accensione: l’accensione deve essere rapida e facile, senza la necessità di fare piccoli fuochi da alimentare successivamente (vedi video).
  • Pulizia facile: la pulizia dei giri fumo va fatta semplicemente azionando una leva (vedi video).
  • Cenere: la cenere va tolta ogni 10 giorni circa.
  • Regolazione dell’aria: deve essere automatica.
  • Aspirazione fumi dello sportello: aprendo lo sportello si attiva automaticamente un aspiratore per evitare fuoriuscite di fumo nel locale caldaia.

 

La manutenzione di una buona caldaia a legna va fatta una volta all’anno (per alcuni modelli, basta una manutenzione ogni 2 anni)!

Come accendere una caldaia a legna (filmato)

L’accensione di una buona caldaia a legna deve essere facile. Non è necessario accendere un fuoco piccolo prima di effettuare la carica completa della legna giornaliera.

Per i più esigenti esiste anche l’accensione elettrica automatica!

Pulizia settimanale di una buona caldaia a legna (filmato)

L’estrazione delle ceneri di una buona caldaia a legna a fiamma inversa vanno fatte una volta alla settimana, ma anche oltre. Le operazioni sono molto semplici la quantità di cenere è veramente ridotta.

Automobile antica con Charlie Chaplin VS automobile moderna

Il concetto di risparmio nel caso di una caldaia a legna

Risparmiare su una caldaia a legna, è un po' come comprarsi una automobile con l'avviamento a manovella e la chiusura non centralizzata!

L’acquisto di un automobile è una spesa e appena esci dal concessionario perde il 22% del suo valore.
Una caldaia a legna ti fa guadagnare ogni anno!

L'importanza dell'impianto per una caldaia a legna

Puoi anche scegliere la migliore caldaia a legna, ma se viene inserita in un impianto non adatto i risultati non saranno ottimali.

Come è anche previsto da diversi incentivi, l’impianto di una caldaia a legna deve avere un puffer.

Il puffer, come richiesto da vari incentivi come il conto termico 2.0 ad esempio, deve avere un volume di almeno 1.500l , ma questo va calcolato caso per caso da un’esperto di caldaie a biomassa.
A volte serve un volume di puffer maggiore. Questo puffer ha la funzione di ottimizzare la distribuzione dei kW prodotti nelle 5-12 ore della combustione per le 24 ore. Importante è rispettare anche i collegamenti dell’impianto (vedi “Schema idraulico caldaia a legna“).

Le pompe di rilancio che alimentano il circuito dei radiatori (termosifoni) o del riscaldamento a pavimento (radiante) devono avere una miscelatrice che regola la temperatura di mandata. Questa miscelatrice può essere a punto fisso o a regolazione climatica.

Quali incentivi ci sono per una caldaia a legna a 5 stelle

Ci sono diversi incentivi statali che aumentano la convenienza del tuo investimento per un impianto con caldaia a legna a 5 stelle.

Il conto termico 2.0 è un incentivo veloce e conveniente per una caldaia a legna. Si tratta di un incentivo che si percepisce sotto forma di bonifico, cioè non è una detrazione fiscale.
Approfondisci qui Conto Termico 2.0.

Ecobonus e Bonus Casa sono due incentivi basati su detrazione fiscale del 50-65%.
Approfondisci qui Ecobonus e Bonus Casa.

Con una caldaia a legna a 5 stelle si sale di classe energetica

Installando una caldaia a legna come fonte di riscaldamento, si guadagna in termini di classe energetica.

Questo comporta un valore maggiore dell’immobile e la possibilità di ampliarlo del 5%.

L'importanza di rivolgersi solo a persone specializzate ed esperte in impianti a biomassa

Sono talmente differenti dalle caldaie a gas, che le caldaie a legna richiedono di rivolgersi a tecnici del settore che conoscono anche le dimensioni delle caldaie a legna e gli ingombri dell’impianto. Solo chi ha esperienza con prodotti di fascia medio alta di caldaie a legna è in grado di garantirti un risultato di successo!

Parti con il piede giusto

Troviamo la soluzione ideale per il tuo impianto a Legna!

E’ stato utile questo articolo? Condividilo…

Facebook
Twitter
LinkedIn