Bando regione Piemonte per agricoltori per impianti energia rinnovabile Dicembre ’23

Bando Regione Piemonte per agricoltori

Bando Regione Piemonte per agricoltori

La Regione Piemonte ha destinato una somma di 20 milioni di euro agli operatori del settore agricolo al fine di supportarli nell’acquisizione e nell’installazione di impianti e attrezzature volti all’approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili per l’autoconsumo.

Indice

Introduzione al bando regione Piemonte per agricoltori per potenziamento aziendale

Il 11 dicembre scorso è stato pubblicato il bando della Regione Piemonte che assegna finanziamenti in conto capitale alle imprese agricole per interventi di potenziamento aziendale, inclusi quelli di natura energetica.

Lo scopo del bando

Questo incentivo fornisce supporto finanziario per coprire i costi associati al miglioramento complessivo delle aziende agricole, compresi l’acquisto, la costruzione, la ristrutturazione, l’ampliamento e la modernizzazione di edifici e relativi impianti, nonché l’acquisto di attrezzature e macchinari.

Spese ammissibili

Sono ammissibili anche richieste di sostegno finalizzate esclusivamente all’acquisto di macchinari e/o attrezzature.

Gli investimenti in energia sono accettabili solo se destinati all’autoconsumo aziendale, con una capacità di produzione installata non superiore al fabbisogno annuale di consumo aziendale.

Tra questi sono inclusi gli impianti di generazione di calore ad energia rinnovabile come pompe di calore, caldaie a biomassa (pellet, legna, cippato) e solare termico.

Tra le spese riconosciute sono compresi gli impianti fotovoltaici, ma è necessario allegare un sintetico bilancio energetico che riporti i kW/anno prodotti e consumati dall’impianto, indicando anche eventuali previsioni di aumento in seguito agli investimenti.

Sono richiesti almeno 3 preventivi di spesa con schede tecniche degli impianti (potenza nominale dell’impianto in kW/ora e produzione in kW/anno).

Importi di spesa minimi e massimi ammissibili

La spesa minima ammissibile per ogni richiesta è di 25mila Euro, con un limite minimo ridotto a 15mila Euro per le zone montane.

Il contributo massimo erogabile per ciascuna operazione di investimento è di 200mila Euro per ogni azienda beneficiaria, oppure 400mila Euro in caso di investimenti collettivi, indipendentemente dal numero di aziende coinvolte.

Percentuale del contributo

Il sostegno finanziario viene concesso in percentuale sulla spesa ammissibile e sulle spese sostenute e rendicontate, sotto forma di contributo in conto capitale, secondo la seguente suddivisione:

  • 40% del costo dell’investimento ammissibile
  • 10% di maggiorazione per gli investimenti in zone di montagna
  • 10% di maggiorazione per gli investimenti realizzati da giovani agricoltori, come definiti nel Piano Strategico Nazionale e specificato nel capitolo “Elementi comuni a più interventi” del CSR 2023-2027.

Entrambe le maggiorazioni sono cumulabili con l’aliquota base.

Interventi di efficientamento energetico degli edifici

Nel caso di interventi volti al miglioramento del rendimento energetico degli edifici, è richiesta una certificazione energetica che attesti il reale incremento delle prestazioni energetiche rispetto alla situazione preesistente.

Ciascun richiedente può presentare una sola istanza, con scadenza delle domande fissata entro il 14 marzo 2024.

Va notato che in Piemonte è attivo un altro bando, disponibile fino al 14 marzo 2024, con una dotazione di 45 milioni di euro, specificamente dedicato ai giovani agricoltori che intendono insediarsi o migliorare la propria competitività, anche attraverso l’adozione di impianti di energia rinnovabile.

Chi può partecipare al bando regione Piemonte?

La partecipazione a questo bando è aperta agli imprenditori agricoli, singoli o associati, conformemente all’articolo 2135 del Codice civile, che detengono la qualifica di Coltivatore diretto o di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) e che dispongono di un proprio dossier aziendale.

È obbligatorio possedere una partita IVA relativa al settore agricolo e, a meno che non si tratti di aziende che rientrano nei limiti di esenzione secondo la normativa di settore, è richiesta l‘iscrizione al Registro delle imprese presso la Camera di Commercio.

La produzione deve rientrare nell’elenco I del Trattato sull’Unione Europea.

Dotazione finanziaria del bando

Il documento, che è allegato in calce, dispone di una somma di 20 milioni di Euro, provenienti dal Complemento Regionale per lo Sviluppo Rurale (CSR 2023-2027), intervento SRD01.

Scadenze del Bando regione Piemonte

La presentazione della domanda di sostegno va presentata tra l’11 dicembre 2023 ed entro e non oltre il 14 marzo 2024.

Come presentare la richiesta di sostegno del bando

Per quanto concerne la procedura di compilazione della richiesta tramite il servizio online del Sistema Informativo Agricolo Piemontese (SIAP) “Sviluppo Rurale 2023-2027”, per le richieste di sostegno relative alla realizzazione di investimenti collettivi destinati all’utilizzo condiviso da parte di più imprese agricole, è necessario specificare quanto segue:

  1. Nella sezione “Richiedente”, è essenziale indicare il soggetto giuridico che stabilisce, tra le imprese agricole, il legame stabile finalizzato alla realizzazione degli investimenti collettivi per uso condiviso.
  2. Nella sezione “Partecipanti”, è necessario elencare tutte le aziende agricole coinvolte nell’accordo per l’utilizzo condiviso dell’investimento.
  3. Nella sezione “Dichiarazioni”, è obbligatorio attestare che la richiesta si riferisce a un investimento collettivo per uso condiviso. Nel caso in cui questa richiesta per un investimento collettivo condiviso coinvolga aziende agricole prevalentemente localizzate nell’Area Natura 2000, è altresì necessario presentare l’apposita dichiarazione.

Struttura di riferimento

Settore delle imprese agricole e agroindustriali, energia rinnovabile e distretti del cibo presso la Direzione Regionale Agricoltura.

Chi contattare per avere informazioni sul bando regione Piemonte?

Alberto Giraudo: 011-4328964

Liam Pippinato: 011-4322324

Claudio Barroero: 011-4324341

Bando regione Piemonte da scaricare

Quanti giorni mancano alla scadenza del bando?

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
Il Bando regione Piemonte è scaduto!

Parti con il piede giusto

Troviamo la soluzione ideale per il tuo impianto a energia rinnovabile!

E’ stato utile questo articolo? Condividilo…

Facebook
Twitter
LinkedIn